Salute mentale in (quasi) tre parole..

7 aprile, 2011
Categoria: Psicopatologia 

La distinzione tra malattia e salute è da ritenersi utile in particolar modo rispetto alla promozione e all’intervento sul benessere della singola persona. Le scienze psicologiche e psicoterapeutiche attuali sono quasi unanimemente d’accordo nel riconoscere delle componenti fondamentali del benessere e della salute mentale della persona.

In particolare possiamo distinguere tre macro aree oggetto d’interesse in materia di salute mentale:

  • Il singolo
  • l’ambiente
  • il rapporto del singolo con l’ambiente

e più nello specifico rispetto al singolo e al rapporto che il singolo ha con l’ambiente:

  • la rappresentazione di sè
  • la rappresentazione del mondo inteso come ambiente, eventi, fatti
  • la rappresentazione di sè con l’altro.

In modi solo in parte differenti la maggior parte delle scuole psicoterapiche si propongono di migliorare e di promuovere la salute mentale intervenendo su:

  1. la storia di vita della persona (es. riconoscere i momenti di crisi, di cambiamento, di difficoltà .. ecc.)
  2. il riconoscimento delle proprie emozioni (es. imparare a riconoscere le emozioni, etichettarle e riconoscere gli stati somatici correlati)
  3. imparare a collegare le emozioni con i pensieri e le situazioni attivanti (es. A evento: vedo l’imbocco dell’autostrada, B pensiero: “oddio, non sono capace di guidare, potrei morire alla prima curva..!voglio fermarmi..devo fermarmi o morirò!”, C emozione: ansia, paura)
  4. sviluppare il riconoscimento dei propri stati mentali ed emotivi disfunzionali (es. in questo momento è arrivato il pensiere di essere un incapace, “Laura incapace”)
  5. rinforzare le proprie competenze comportamentali funzionali e apprenderne nuove (es. aumentare la gamma di comportamenti disponibili per affrontare determinate situazioni)
  6. riconoscere le difficoltà nelle relazioni con gli altri sulla base del riconoscimento dei propri stati mentali, sulla rappresentazione dell’altro e dei cicli sè-altro che si ripetono in modo disfunzionale.
  7. porsi obiettivi raggiungibili e concreti verso cui dirigere la propria vita sia individualmente che in relazione all’altro.

Testi e tecniche di auto aiuto (a sostegno dell’ intervento psicoterapeutico ) sono:

- Libri su ABC delle emozioni e assertività

- Libri di auto-aiuto sullo specifico disturbo

- Mindfulness (protocollo rilassamento)

E' interessante? Informa i tuoi amici con..