Il perdono e la sua relazione con la rabbia, la depressione e la qualità di vita

5 giugno, 2011
Categoria: Convegni, Depressione Maggiore, Disturbi dell'Umore 

Pagnanini, R., Gialluca, E., Piccinini, L.,  Sabastiani, V., Barcaccia B.

Dispositional forgiveness, depression, anxiety, anger and quality of life in an Italian sample“.

Poster Session, 7th International Congress of Cognitive Psychotherapy (2011). Istanbul, Turkey

 

Il nostro studio ha indagato la relazione tra la disposizione al perdono (TFS), intesa come tratto di personalità, e la sua relazione con la depressione (BDI), la rabbia (STAXI), l’ansia (STAI-Y) e la qualità della vita (SF-36) in un campione di soggetti del centro Italia.

Risultati preliminari ottenuti su un campione di 191 soggetti dai 20 ai 73 anni hanno dimostrato che la disposizione al perdono è significativamente maggiore nell’età compresa tra i 50 e i 65 anni rispetto alla fascia d’età compresa tra i 20 e i 29 anni. Lo stesso si può dire rispetto alla depressione: la fascia d’età compresa tra i 50 e i 65 anni dimostra livelli significativamente più bassi di depressione rispetto alla fascia d’età compresa tra i 20 e i 29 anni.

Inoltre, considerando il campione totale, sono emerse delle relazioni significative tra il perdono e la rabbia esternalizzante, ed il perdono e la qualità di vita, in particolare rispetto alle attività sociali.

Sembrerebbe infatti che maggiore è la disposizione al perdono e minore siano i comportamenti di rabbia (e viceversa), e maggiore sia la qualità della vita intesa nelle attività sociali come ad es. famiglia, amici, vicini di casa, gruppi di cui l’individuo fa parte (e viceversa).

Lo studio sta proseguendo nella direzione di un campione italiano più ampio.

 

Bibliografia

Berry J.W., Worthington E.L. Jr, O’Connor L.E., Parrot L. & Wade N.G. (2005). Forgiveness, vengeful rumination, and affective traits. Journal of Personality, 73(1), 183-225.

E' interessante? Informa i tuoi amici con..